Effetti e Sintomi

Ma quali sono gli effetti e sintomi dell'anestesia odontoiatrica?

Anestesia dal dentista e possibili sintomi e effetti collaterali

L’anestesia praticata dal dentista è sostanzialmente di tipo locale, ovvero caratterizzata dalla perdita di sensibilità di una zona circoscritta del corpo, conseguente ad una inibizione del processo di conduzione dei nervi periferici. Questo tipo di anestesia si differenzia da quella generale in quanto non causa la totale incoscienza del paziente. Le tecniche di anestesia locale sono: - L’anestesia di superficie
- L’anestesia d’infiltrazione
- L’anestesia tronculare
- L’ anestesia intraligamentosa
- L’anestesia intrapulpare
Negli ultimi anni vanno diffondendosi nuove metodologie di anestesia quali l'utilizzo del protossido di azoto, dell'iniezione osteocentrale, sino ad arrivare a più complesse situazioni che prevedono una sedazione completa in collaborazione con anestesisti professionisti. Le tecniche d'anestesia locale solitamente comportano un "addormentamento" della parte interessata dall'iniezione per un periodo di tempo proporzionale alla quantità e al tipo di anestetico adoperato.
I possibili effetti collaterali legati alle iniezioni, possono variare dalla semplice ma comunque fastidiosa parestesia dei tessuti molli del cavo orale, a tachicardia in caso di iniezione troppo veloce sino alle più complesse e pericolose reazioni allergiche. I sistemi di anestesia con protossido invece comportano un senso di stordimento che svanisce circa 30 minuti dopo l'intervento, ma che non porta ulteriori conseguenze e che permette tranquillamente al paziente di guidare ed andare liberamente via dallo studio dentistico senza problemi.

L'anestesia osteocentrale invece modifica le precedenti tecniche di anestesia sostituendole,  evita la parestesia dei tessuti e permette un anestesia maggiormente efficace in quanto praticata direttamente vicino all'apice della radice del dente. In questo modo le quantità di anestetico vengono ridotte con vantaggi notevoli per il paziente. Diventa inoltre possibile operare subito anche nei casi di infezione e infiammazioni acute, senza la precedente cura antibiotica.